Belluno – Dopo il referendum chiede che la caccia torni di competenza della Provincia

27 Ottobre 2017

In concomitanza con il tanto discusso referendum sull’autonomia della Regione Veneto anche Belluno ha espresso la volontà che “la specificità della Provincia di Belluno – era la domanda sulla scheda elettorale – venga rafforzata con il riconoscimento di funzioni aggiuntive e delle connesse risorse finanziarie”.

Dopo il superamento del quorum – hanno votato il 51,4% degli aventi diritto – e la conseguente vittoria del “SÌ” – con il 97,4% delle preferenze – si iniziano a vedere i primi effetti: il presidente della Provincia di Belluno, Roberto Padrin, ha chiesto, durante un incontro informale con i sindaci del bellunese, che le competenze in materia di caccia ritornino dalla Regione Veneto all’ente provinciale (legge regionale 25).

Ultim’ora
Il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, con un proprio decreto, ha costituito formalmente la Consulta del Veneto per l’Autonomia.
All’Organismo, individuato con una delibera approvata all’indomani dell’esito del referendum sull’autonomia del Veneto, partecipano 34 soggetti in rappresentanza delle Autonomie Locali (Anci-Upi-Uncem), delle categorie economiche e produttive del territorio, delle forze sindacali e del terzo settore, del mondo dell’Università e Ricerca, e di altri organismi espressione di interessi diffusi a livello regionale, in modo da garantire la più ampia rappresentatività.
Contestualmente, Zaia ha inviato a tutti gli interessati una lettera contenente la prima convocazione: l’insediamento avverrà venerdì 3 novembre 2017 prossimo, alle ore 9, presso la sala multifunzionale di palazzo Grandi stazione della Regione a Venezia.
I componenti della Consulta verranno successivamente convocati in audizione da parte delle competenti Commissioni del Consiglio Regionale.
Alla Consulta, quale Organismo permanente rappresentativo dell’intero “Sistema Veneto”, è affidato il compito di supportare la delegazione regionale trattante che condurrà il negoziato con lo Stato.

Tags: , , , , ,

COMMENTI