Capanno devastato – Processati per direttissima due giovani

8 ottobre 2018

Furto aggravato, danneggiamento e porto ingiustificato di arnesi da scasso: queste sono le accuse mosse mosse dal giudice nei confronti di due giovani originari di un grande centro della provincia di Milano, arrestati e processati per direttissima.

I due hanno devastato il capanno di un cacciatore, rubato copia dell’autorizzazione provinciale per la caccia e liberato alcuni animali da richiamo tenuti legalmente.

Obbligo di dimora nel comune di residenza la misura cautelare disposta in attesa dell’udienza aggiornata a fine ottobre.

I protagonisti di questa vicenda, appartenenti all’Animal Liberation Front, approfittando del buio della notte, hanno prima imbrattato la struttura che si trova a Campagnola Cremasca (CR), poi hanno forzato l’ingresso e reso il capanno inutilizzabile.

Durante la fuga in auto sono stati fermati da una pattuglia dei Carabinieri che a bordo della vettura hanno trovato la copia dell’autorizzazione della Provincia e un binocolo trafugati, alcuni arnesi da scasso e una bomboletta spray.

La refurtiva è stata immediatamente resa al legittimo proprietario che ha accompagnato i militari al proprio capanno e scoperto, così, il misfatto.

Fonte: lamartesana.it

COMMENTI