Victorinox celebra il pioniere del coltellino multiuso svizzero

4 dicembre 2018

Un set esclusivo per celebrare i 100 anni della scomparsa di Karl Elsener, pioniere del coltellino multiuso Victorinox.

100 anni fa Karl Elsener salutava il mondo cui aveva regalato un marchio e un’idea diventata poi simbolo e icona di coltelleria sportiva in tutto il mondo: il multiuso rosso con la croce svizzera.

Karl Elsener è stato un uomo visionario e concreto al tempo stesso, fu pioniere di un oggetto che sintetizzava uno e centomila stili di vita: il Swiss Army Knife. Fondò l’Azienda specializzata nella lavorazione di coltelli nel 1884 a Ibach, nella Svizzera tedesca; nel 1891 inventò il multiuso – il “coltellino svizzero” come lo chiamano in molti – declinato negli anni in migliaia di diversi modelli e divenuto oggetto cult da collezione.

Per celebrare questo importante anniversario la zecca ufficiale Svizzera Swissmint ha emesso una moneta d’argento in edizione limitata da 20 Franchi per i collezionisti e gli appassionati.

La moneta è stata disegnata dal grafico Nadja Baltensweiler di Lucerna ed è inclusa in un set ad edizione limitata a 8000 pezzi in tutto il mondo che comprende anche un’edizione creata per l’occasione del coltello tascabile Huntsman con la firma – sulla guancetta – di Karl Elsener.

Nello specifico il coltellino contenuto in questo prezioso cofanetto presenta queste caratteristiche:
1. Lama grande
2. Lama piccola
3. Cavatappi
4. Apriscatole con
5. Cacciavite piccolo (anche per viti a croce)
6. Levacapsule con:
7. Cacciavite
8. Spelafili
9. Alesatore / Punteruolo
10. Anello portachiavi
11. Pinzetta
12. Stuzzicadenti
13. Forbici
14. Gancio multiuso (porta pacchetti)
15. Sega per il legno

Un vero e proprio tributo a colui che ha fatto di un oggetto da taglio un simbolo amato in tutto il mondo ancora oggi. Degli 8000 pezzi realizzati, 150 sono destinati al mercato italiano.

Il marchio Victorinox è distribuito da KÜNZI S.p.A., tutte le collezioni – sportive e lifestyle – si possono scoprire sul sito www.kunzi.it

COMMENTI